sabato 23 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: CLOSE TO YOU/STEVE TYRELL

Bentornati nella nostra rubrica musicale.












Stasera proponiamo un bel pezzo scritto nientemeno che da Burt Bacharach e Hal David, ovvero "Close to You".
La bellissima registrazione originale è stata affidata al noto gruppo the Carpenters nel 1970 (potete ascoltarla cliccando qui).
Ma siccome qui siamo soliti segnalare spesso interpretazioni differenti dagli originali, ascoltiamoci pure l'ottima cover del cantante jazz Steve Tyrell, nel bel cd Back to Bacharach datato 2008.



Alla prossima!

mercoledì 20 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: SOMEWHERE ALONG THE WAY/BETTE MIDLER

Ben ritrovati al nostro appuntamento musicale quotidiano.




















Stasera ci deliziamo con un bellissimo brano intitolato "Somewhere Along The Way", originariamente registrato dall'eccezionale Nat King Cole nel 1952 (cliccate qui per ascoltare tale versione).
Segnaliamo però anche la bellissima interpretazione fornita dalla nota cantante, oltre che bravissima attrice, Bette Midler, nel divertente film del 1997 That Old Feeling, accompagnata dal pianista jazz Tommy Flanagan.
Buon ascolto!

  

Alla prossima!

martedì 19 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: BURNING LOVE/ELVIS PRESLEY

Bentornati nella nostra rubrica musicale.




















Stasera entriamo in un'atmosfera rock & roll con il re di tale genere, ossia Elvis Presley (1935-1977).
Il brano selezionato è "Burning Love", originariamente inciso dal cantante country statunitense Arthur Alexander nel 1972 e coverizzato, nello stesso anno, da Elvis.
Trattasi di uno degli ultimi veri successi della carriera del cantante, infatti Burning Love è stata la sua più importante hit dai tempi di Suspicious Minds (canzone del 1969).
Buon ascolto!



Alla prossima!

lunedì 18 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: HUNGARIAN DANCE NO.1 (BRAHMS)/NEMANJA RADULOVIC

Bentornati nel nostro appuntamento musicale quotidiano.














Stasera restiamo sulla musica classica, andando ad ascoltare una meravigliosa composizione del tedesco Johannes Brahms (1833-1897): la "Danza ungherese N.1".
Essa rappresenta appunto la prima tra le 21 danze ungheresi scritte da Brahms tra il 1852 e il 1869.
Originariamente tali composizioni sono state pensate per esecuzioni di pianoforte a 4 mani, ma successivamente ne furono creati innumerevoli arrangiamenti per i più disparati strumenti o addirittura per intere orchestre.
La versione che segnaliamo è quella del bravissimo violinista serbo Nemanja Radulovic, il quale ne fornisce un'interpretazione davvero particolarissima, accompagnato dalla pianista francese Laure Favre-Kahn e dal gruppo musicale dello stesso Radulovic denominato Les Trilles Du Diable.
Buon ascolto!



Alla prossima!

domenica 17 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: DER HÖLLE RACHE (MOZART)/LUCIA POPP

Bentornati nella nostra rubrica musicale.
























Scusandomi per l'assenza di ieri, stasera ascoltiamo uno dei brani d'opera più noti in assoluto: "Der Hölle Rache kocht in meinem Herzen", detta comunemente "Aria della Regina della Notte, dal Flauto magico (K 620), opera in 2 atti del 1791 di Mozart.
Oltre ad essere una delle arie più famose di sempre, è anche tra le più ardue per qualsivoglia soprano, una vera "aria di bravura" insomma!
Segnalo qui quella che, a mio giudizio, è la versione migliore mai registrata in quanto a potenza ed estrema pulizia vocale, ovvero l'esecuzione, risalente al 1969, della magnifica soprano slovacca Lucia Popp (1939-1993).
Buon ascolto!



Alla prossima!

venerdì 15 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: SACRIFICE/LISA GERRARD & PIETER BOURKE

Ben ritrovati nella nostra rubrica musicale.














Stasera ascoltiamo la particolarissima voce della cantante australiana Lisa Gerrard, in collaborazione col compositore, percussionista e ingegnere del suono australiano Pieter Bourke.
Il brano selezionato, datato 1998, è intitolato "Sacrifice" e ha fatto parte della colonna sonora del film del 1999 The Insider, con Russell Crowe e Al Pacino.
La voce della Gerrard (contralto, ma capace di raggiungere pure il range tipico da mezzosoprano) è sicuramente profonda, scura, ricca e ben riconoscibile.
Non resta che deliziarci per quasi 8 minuti con questo singolare e bellissimo brano:



Alla prossima!

giovedì 14 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: MINNIE THE MOOCHER/ROBBIE WILLIAMS

Bentornati nella nostra rubrica musicale.




















Stasera ascoltiamo la rivisitazione di un classico del jazz, ovvero "Minnie the Moocher", registrato originariamente da Cab Calloway (1907-1994) nel 1931.
Il brano venne peraltro introdotto, nel 1999, nella Grammy Hall of Fame.
Ma chi diavolo è Minnie "La scroccona" che viene citata nella suddetta composizione?
Un articolo datato 22 novembre 1951 del magazine Jet spiega l'origine della denominazione (precisiamo che il nome Minnie compare anche in altre canzoni dello stesso Calloway):

"Minnie "The Moocher" has died. She was a familiar figure In downtown Indianapolis. A 82-year-old woman whose real name was Minnie Gayton, she acquired the quaint nickname of "The Moocher" by regularly begging food from grocers and carting it off in a baby buggy. She slept in doorways, on porches and in garages. During the record-breaking blizzard, her body was found on a porch, blanketed with snow. She died from exposure."

Naturalmente si consiglia caldamente l'ascolto del brano eseguito dallo stesso Cab Calloway (ce ne sono tante ottime diverse interpretazioni nel corso degli anni da parte sua, come QUESTA), ma qui segnaliamo invece la relativamente recente (2013) cover fatta dal noto cantautore britannico Robbie Williams, il quale ha saputo rendere un giusto tributo a un brano così importante.
Buon ascolto!



Alla prossima!

mercoledì 13 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: VILJA LIED (LEHÁR)/INGEBORG HALLSTEIN

Ben ritrovati al quotidiano appuntamento musicale su Scienza e Musica.























Stasera ascoltiamo uno dei brani più celebri tratti dalla bellissima operetta La Vedova Allegra di Franz Lehár (1870-1948), datata 1905: il "Vilja Lied" (in italiano "Romanza della Vilja") dal 2° atto.
L'interpretazione che vi verrà proposta è quella della a dir poco superlativa soprano Ingeborg Hallstein, di cui ho già parlato in un post sul blog Al Tamburo Riparato.
Buon ascolto!



Alla prossima!

martedì 12 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: LOVE IS ON THE WAY/BILLY PORTER-CELINE DION

Bentornati nella nostra rubrica musicale.
Stasera segnaliamo un brano che fa parte della colonna sonora del film del 1996 Il club delle prime mogli: "Love Is On The Way".
La versione originale è quella del cantante e attore statunitense Billy Porter, che potete ascoltare qui di seguito:



Non posso tuttavia esimermi dal segnalare pure l'ottima cover che ne fece Celine Dion nel famoso album (un album praticamente perfetto, oltre che uno dei più venduti della storia) Let's Talk About Love del 1997:



Un particolare da notare è poi il seguente: così come Celine coverizzò il suddetto brano di Billy Porter, costui coverizzò successivamente una canzone della cantante canadese, precisamente "Only One Road" (datata 1993).
Una vera e propria condivisione di pezzi magistrali da parte di 2 incredibili artisti.
Visto che ormai l'abbiamo citato, guardiamo anche una straordinaria interpretazione live di Only One Road da parte della Dion:



Alla prossima!

lunedì 11 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: HELLO/DIMASH KUDAIBERGEN

Ben ritrovati nella nostra rubrica musicale.
Dopo la "pausa sanremese" (durante la quale abbiamo prontamente risposto con una playlist di incredibili esibizioni vocali live), non c'è modo migliore di ricominciare la nostra serie di post se non con un vero talento dei giorni odierni: il cantante e polistrumentista kazako Dimash Kudaibergen.














La sua estensione vocale è stata stimata di ben 6 ottave, ma la cosa più incredibile è la facilità con cui riesce a passare da un registro vocale ad un altro, per esempio da quello da tenore a quello da soprano!
Se non l'avete mai ascoltato, probabilmente la prima volta vi lascerà letteralmente increduli e a bocca aperta.
Tra le sue ispirazioni musicali egli cita i seguenti nomi (artisti con la "A" maiuscola): Michael Jackson, Celine Dion, Lara Fabian e Luciano Pavarotti.
Non sarebbe così azzardato piazzarlo già in questo "olimpo delle voci"; l'unica cosa che davvero gli manca rispetto ai sopracitati artisti è una vera discografia, che naturalmente speriamo si arricchisca molto presto.
In ogni caso i video delle esibizioni live di Dimash sono già pietre miliari della musica, considerando a maggior ragione ciò che la musica "popolare" attuale propone in generale...
Il video che vi segnalo per l'occasione è quello della sua esibizione del noto brano di Lionel Richie, datato 1983, intitolato "Hello".



Oltre a questo, mi fa piacere segnalare la recentissima prima esibizione di Dimash negli Stati Uniti, in particolare nel tv show "The World's Best", nel quale ha interpretato un magnifico brano in lingua francese, ovvero "S.O.S D'un Terrien En Détresse", prendendo il massimo dei voti dai 3 giudici americani:



Alla prossima!

martedì 5 febbraio 2019

THE BEST LIVE VOCAL PERFORMANCES EVER

Interrompiamo per oggi la nostra quotidiana rubrica musicale, per fare qualcosa di diverso.












Stasera incomincia l'edizione 2019 del Festival di Sanremo, il quale, specialmente negli ultimi anni, non ha regalato (a parte pochissime eccezioni, che si possono contare sulle dita di una mano) nulla che si possa davvero definire musica di alta qualità.
Proviamo allora qui, prima di procedere all'ascolto (volontario o involontario) dei brani sanremesi, a fornire un'asticella per le performance vocali live, qualcosa a cui riferirsi quando si ascolta una qualsivoglia canzone eseguita dal vivo.
Questa asticella la poniamo altissima (o meglio, non superabile, ma neanche sfiorabile asintoticamente, dato ciò che il panorama musicale italiano propone ultimamente).
Ho raccolto infatti in una playlist youtube (attualmente conta 51 video, ma verrà ampliata col tempo) le migliori performance vocali mai realizzate dal vivo su un palco (o comunque, in registrazione one-take), indipendentemente dal genere musicale.
Qualcuna di tali performance è stata già segnalata o sarà approfondita presto nella nostra quotidiana rubrica, molte altre sono totalmente inedite per questo blog.
Cito alcuni nomi dei protagonisti della suddetta playlist, giusto per farvi capire subito a cosa mi riferivo quando parlavo di asticella insuperabile: Sarah Vaughan, Ingeborg Hallstein, Dimash Kudaibergen, Ella Fitzgerald, Barbra Streisand, Celine Dion, Maria Callas, Frank Sinatra.
Non mancano alcune tra le pochissime interpreti italiane che meritano un inserimento: Mina, Anna Oxa, Giorgia (di quest'ultima un'esibizione nel Festival di Sanremo 1995).
Spero che vi aiuti ad affrontare in maniera maggiormente critica l'ascolto, non solo del Festival di Sanremo di stasera, ma della musica eseguita dalla voce umana in generale!


lunedì 4 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: HOW DEEP IS YOUR LOVE/BEE GEES

Bentornati nella nostra rubrica musicale.














Stasera ascoltiamo una vera pietra miliare del famoso gruppo britannico Bee Gees, ovvero il brano "How Deep Is Your Love", pubblicato nel settembre 1977 e facente parte della colonna sonora del film La febbre del sabato sera (Saturday Night Fever).
La canzone vinse peraltro un Grammy Award, per la miglior performance pop da parte di un gruppo, nell'anno successivo.
Buon ascolto!



Alla prossima!

domenica 3 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: YOU RAISE ME UP/SECRET GARDEN

Rieccoci ad un nuovo appuntamento musicale su Scienza e Musica.

















Stasera ascoltiamo un meraviglioso brano, datato 2002, intitolato "You Raise Me Up".
La versione che segnaliamo è quella originale (probabilmente insuperabile), dovuta al duo strumentale irlandese/norvegese Secret Garden, assieme al cantautore irlandese Brian Kennedy.
Buon ascolto!



Alla prossima!

sabato 2 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: GOODBYE, WORLD, GOODBYE/STAN WHITMIRE

Ben ritrovati nella nostra rubrica musicale!














Visto che si è fatto tardi, passiamo immediatamente alla presentazione del brano e all'ascolto: "Goodbye, World, Goodbye", un classico gospel, ottimamente interpretato dal pianista statunitense Stan Whitmire.



Alla prossima!

venerdì 1 febbraio 2019

ONE GOOD PIECE OF MUSIC EVERY DAY: DANCING/ELISA

Ben ritrovati al nostro appuntamento musicale.
Stasera passiamo alla musica italiana, che proprio italiana non è!




















Infatti il brano selezionato (in lingua inglese), datato 2002, è "Dancing"di Elisa Toffoli, il quale ha fatto peraltro da colonna sonora al film A Time for Dancing.
Un pezzo tecnicamente davvero non semplice, decisamente intenso, scritto ed interpretato da una delle pochissime cantanti italiane degne (ancora) di nota.
Trattasi dunque di una vera perla nel desolante (direi anche vergognoso) panorama della composizione musicale mainstream compiuta in Italia nel millennio in cui ci troviamo, panorama costituito per lo più da stupide e musicalmente blande canzonette (eseguite da mediocri cantanti) e da rap/trap, specialmente negli ultimissimi anni.
Buon ascolto!



Alla prossima!